Leggi Razziali5 settembre 1938: il giorno della vergogna

Nella sua residenza di San Rossore, il re Vittorio Emanuele III firma il Regio Decreto Legge n. 1390, “Provvedimenti per la difesa della razza nella scuola fascista”, proposti da Mussolini, che sancirà ufficialmente l’esclusione dalle scuole “governative e pareggiate” di insegnanti e studenti ebrei.
Giovanni Preziosi Giovanni Preziosimercoledì, 1 Settembre 2021 ore 18:13:0515715 min

Il 5 settembre di ottantadue anni fa il regime fascista scrive una delle pagine più vergognose della storia italiana, in seguito all’adozione delle leggi razziali con le quali allineò la sua politica a quella antisemita della Germania Nazista. Così, a coronamento di altri provvedimenti a sfondo razziale, proprio in questo giorno, nella sua residenza pisana di San Rossore, Vittorio Emanuele III firma il REGIO DECRETO LEGGE n. 1390, “Provvedimenti per la difesa della razza nella scuola fascista”, proposti da Mussolini, che sarà poi pubblicato  sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia n. 209 del 13 settembre 1938, sancendo  ufficialmente l’immediata esclusione dalle scuole “governative e pareggiate” di insegnanti e studenti ebrei, col conseguente licenziamento in tronco perfino dei dipendenti pubblici.

Giuseppe Bottai (Roma, 3 settembre 1895 – Roma, 9 gennaio 1959)

Tra agosto e settembre di quell’anno,infatti, l’attività del ministro dell’Educazione nazionale Giuseppe Bottai fu inficiata dall’attuazione delle vituperanti leggi razziali che ridussero gli ebrei al rango di paria della società italiana.

Di conseguenza, a partire dal 5 settembre 1938, in seguito alla promulgazione del Regio Decreto Legge n. 1390, si procedette all’epurazione sistematica di insegnanti e studenti di “razza” ebraica dalle scuole italiane, ai quali fu concesso, come attenuante, di organizzare propri istituti scolastici privati.
In realtà questo provvedimento entrerà in vigore ufficialmente soltanto il 14 dicembre successivo, allorché fu disposta la cessazione dall’impiego per tutti gli insegnanti e gli altri dipendenti scolastici di razza ebraica.

In tal modo gli ebrei cesseranno di far parte delle Accademie e delle associazioni di scienze, lettere ed arti.

Fu così che iniziò tutto..
Vittorio Emanuele III e Mussolini.
Difatti fin dal 25 luglio 1938 furono varati una serie di provvedimenti che miravano a questo scopo. Ecco i principali:
  • REGIO DECRETO LEGGE 7 settembre 1938 XVI, n. 1381
  • REGIO DECRETO LEGGE 5 settembre 1938-XVI, n. 1390
  • REGIO DECRETO 5 settembre 1938-XVI, n. 1531
  • REGIO DECRETO-LEGGE 5 settembre 1938-XVI, n. 1539
  • REGIO DECRETO-LEGGE 23 settembre 1938-XVI, n. 1630
  • REGIO DECRETO-LEGGE 17 novembre 1938-XVII, n. 1728
  • REGIO DECRETO-LEGGE 15 novembre 1938-XVII, n.1779
  • REGIO DECRETO 21 novembre 1938-XVII, n. 2154
  • REGIO DECRETO-LEGGE 22 dicembre 1938-XVII, n. 2111
  • Conversione in Legge dei decreti precedenti
  • REGIO DECRETO-LEGGE 9 febbraio 1939-XVII, n. 126
  • REGIO DECRETO 27 marzo 1939-XVII, n. 665
  • LEGGE 2 giugno 1939-XVII, n. 739
  • LEGGE 13 luglio 1939-XVII, n. 1024
  • LEGGE 29 giugno 1939-XVII, n. 1054
  • LEGGE 13 luglio 1939-XVII, n. 1055
  • LEGGE 13 luglio 1939-XVII, n. 1056
  • LEGGE 23 maggio 1940-XVIII, n. 587
  • LEGGE 28 settembre 1940-XVIII, n. 1403
  • LEGGE 23 settembre 1940-XVIII, n. 1459
  • DECRETO MINISTERIALE 30 luglio 1940-XVIII
  • LEGGE 24 febbraio 1941-XIX, n. 158
  • LEGGE 19 aprile 1942-XX, n. 517
  • LEGGE 9 ottobre 1942-XX, n. 1420
  • DECRETO LEGISLATIVO DEL DUCE 4 Gennaio 1944-XXII, n. 2
  • DECRETO LEGISLATIVO DEL DUCE 31 marzo 1944-XXII, n. 109
  • DECRETO MINISTERIALE 16 aprile 1944-XXII, n. 136
  • DECRETO LEGISLATIVO DEL DUCE 18 aprile 1944-XXII, n. 171
  • DECRETO MINISTERIALE 15 settembre 1944-XXII, n. 685
  • DECRETO MINISTERIALE 30 dicembre 1944-XXIII, n. 1036
  • DECRETO LEGISLATIVO DEL DUCE 28 febbraio 1945-XXIII, n. 47

Gazzetta Ufficiale n. 209, 13 settembre 1938
Gazzetta Ufficiale n. 209, 13 settembre 1938

REGIO DECRETO LEGGE 5 settembre 1938-XVI, n. 1390

Please accept YouTube cookies to play this video. By accepting you will be accessing content from YouTube, a service provided by an external third party.

YouTube privacy policy

If you accept this notice, your choice will be saved and the page will refresh.

Il discorso di Mussolini a Trieste del 18 settembre 1938

Please accept YouTube cookies to play this video. By accepting you will be accessing content from YouTube, a service provided by an external third party.

YouTube privacy policy

If you accept this notice, your choice will be saved and the page will refresh.

 

REGIO DECRETO LEGGE 5 Settembre 1938-XVI, n. 1390

REGIO DECRETO LEGGE 5 settembre 1938-XVI, n. 1390, Provvedimenti per la difesa della razza nella scuola fascista (GURI n. 209, 13 settembre 1938). Convertito in legge senza modifiche con L 99/1939.

REGIO DECRETO-LEGGE 5 settembre 1938-XVI, n. 1390
Provvedimenti per la difesa della razza nella scuola fascista.

VITTORIO EMANUELE III
PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA’ DELLA NAZIONE
RE D’ITALIA
IMPERATORE D’ETIOPIA

Visto l’art. 3, n. 2, della legge 31 gennaio 1926-IV, n. 100;
Ritenuta la necessità assoluta ed urgente di dettare disposizioni per la difesa della razza nella scuola italiana;
Udito il Consiglio dei Ministri;
Sulla proposta del Nostro Ministro Segretario di Stato per l’educazione nazionale, di concerto con quello per le finanze;
Abbiamo decretato e decretiamo:

Art. 1

All’ufficio di insegnante nelle scuole statali o parastatali di qualsiasi ordine e grado e nelle scuole non governative, ai cui studi sia riconosciuto effetto legale, non potranno essere ammesse persone di razza ebraica, anche se siano state comprese in graduatorie di concorso anteriormente al presente decreto; né potranno essere ammesse all’assistentato universitario, né al conseguimento dell’abilitazione alla libera docenza.

Art. 2

Alle scuole di qualsiasi ordine e grado, ai cui studi sia riconosciuto effetto legale, non potranno essere iscritti alunni di razza ebraica.

Art. 3

A datare dal 16 ottobre 1938-XVI tutti gli insegnanti di razza ebraica che appartengano ai ruoli per le scuole di cui al precedente art. 1, saranno sospesi dal servizio; sono a tal fine equiparati al personale insegnante i presidi e direttori delle scuole anzidette, gli aiuti e assistenti universitari, il personale di vigilanza nelle scuole elementari. Analogamente i liberi docenti di razza ebraica saranno sospesi dall’esercizio della libera docenza.

Art. 4

I membri di razza ebraica delle Accademie, degli Istituti e delle Associazioni di scienze, lettere ed arti, cesseranno di far parte delle dette istituzioni a datare dal 16 ottobre 1938-XVI.

Art. 5

In deroga al precedente art. 2 potranno in via transitoria essere ammessi a proseguire gli studi universitari studenti di razza ebraica, già iscritti a istituti di istruzione superiore nei passati anni accademici.

Art. 6

Agli effetti del presente decreto-legge è considerato di razza ebraica colui che è nato da genitori entrambi di razza ebraica, anche se egli professi religione diversa da quella ebraica.

Art. 7

Il presente decreto-legge, che entrerà in vigore alla data della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del Regno, sarà presentato al Parlamento per la sua conversione in legge. Il Ministro per l’educazione nazionale è autorizzato a presentare il relativo disegno di legge.

Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sia inserto nella raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d’Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a San Rossore, addì 5 settembre 1938 – Anno XVI

VITTORIO EMANUELE

Mussolini – Bottai – Di Revel

Visto, il Guardasigilli: Solmi.
Registrato alla Corte dei conti, addì 12 settembre 1938 – Anno XVI
Atti del Governo, registro 401, foglio 76 – Mancini.

“La Stampa” del 3 settembre 1938.

 

© Giovanni Preziosi, 2021

Tutti i diritti riservati. Tutti i contenuti pubblicati in questo articolo sono protetti da copyright e non possono, né in tutto né in parte, in qualsiasi forma o tramite qualsiasi mezzo, essere utilizzati, modificati, copiati, pubblicati o riprodotti senza il consenso scritto dell’Autore e la citazione della fonte.

Social Share
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Giovanni Preziosi

Giovanni Preziosi

Giovanni Preziosi nasce 51 anni fa a Torre del Greco, in provincia di Napoli, da genitori irpini. Trascorre la sua infanzia ad Avellino prima di intraprendere gli studi universitari presso l’Università degli Studi di Salerno dove si laurea in Scienze Politiche discutendo una tesi in Storia Contemporanea. Nel corso di questi anni ha coltivato varie passioni, tra cui quella per il giornalismo, divenendo una delle firme più apprezzate delle pagine culturali di alcune prestigiose testate quali: “L’Osservatore Romano”, “Vatican Insider-La Stampa”, “Zenit”, “Il Popolo della Campania”, “Cronache Meridionali”. Ha recensito anche alcuni volumi per “La Civiltà Cattolica”. Inoltre, dal 2013, è anche condirettore della Rivista telematica di Storia, Pensiero e Cultura del Cristianesimo “Christianitas” e responsabile della sezione relativa all’età contemporanea. Recentemente ha fondato anche il sito di analisi ed approfondimento storico "The History Files”. Ha insegnato Storia Contemporanea al Master di II° livello in “Scienze della Cultura e della Religione” organizzato dal Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi Roma Tre. Fin dalla sua laurea i suoi interessi scientifici si sono concentrati sui problemi socio-politici che hanno caratterizzato il secondo conflitto mondiale, con particolare riguardo a quel filone storiografico relativo all’opera di assistenza e ospitalità negli ambienti ecclesiastici ad opera di tanti religiosi e religiose a beneficio dei perseguitati di qualsiasi fede religiosa o colore politico. Ha compiuto, pertanto, importanti studi su tale argomento avviando una serie di ricerche i cui risultati sono confluiti nel volume “Sulle tracce dei fascisti in fuga. La vera storia degli uomini del duce durante i loro anni di clandestinità” (Walter Pellecchia Editore, 2006); “L’affaire Palatucci. “Giusto” o collaborazionista dei nazisti? Un dettagliato reportage tra storia e cronaca alla luce dei documenti e delle testimonianze dei sopravvissuti” (Edizioni Comitato Palatucci di Campagna, 2015), “La rete segreta di Palatucci. I fatti, i retroscena, le testimonianze e i documenti inediti che smentiscono l’accusa di collaborazionismo con i nazisti” (CreateSpace Independent Publishing Platform, 2015) e “Il rifugio segreto dei gerarchi: Storia e documenti delle reti per l'espatrio clandestino dei fascisti” (CreateSpace Independent Publishing Platform, 23 febbraio 2017) nonché in altri svariati articoli pubblicati su giornali di rilievo nazionale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Related Posts

Se desideri interagire con noi puoi scriverci a questo indirizzo di posta elettronica e saremo ben lieti di risponderti.
Ti aspettiamo, a presto…

Scrivici a: postmaster@historyfilesnetwork.com

Ads

Total Visitors
377898
284
Visitors Today
32
Live visitors

Most Viewed Posts

HISTORY FILES NETWORK - Ricerche, confronti e approfondimenti © All Rights Reserved

Translate »
0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap