HomeNews - History Files Network

Magazine archive
8 settembre 1943: Proclamazione dell’Armistizio. L’Italia volta pagina

«Il governo italiano – dichiarava il maresciallo Badoglio –, riconosciuta l’impossibilità di continuare l’impari lotta contro la soverchiante potenza avversaria, nell’intento di risparmiare ulteriori e più gravi sciagure alla Nazione ha chiesto un armistizio al generale Eisenhower, comandante in capo delle forze alleate anglo-americane. La richiesta è stata accolta».

L’affaire Sacco e Vanzetti: emblema di «giustizia crocefissa»

Novantaquattro anni fa, il 23 agosto 1927, Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti, due emigrati italiani negli Stati Uniti e attivisti anarchici, furono "giustiziati" sulla sedia elettrica in seguito ad una condanna a morte spiccata nei loro confronti nel 1920 per l'omicidio di due uomini durante una rapina. Nel 1977, il governatore del Massachusetts Michael Dukakis, riabiliterà la memoria di Sacco e Vanzetti ammettendo gli errori commessi durante il processo.

I cantautori del Ventennio

Storie di ERODOTO TVI cantautori del Ventennio

domenica, 28 Febbraio 2021 ore 10:53:11688 min

In ossequio alla Circolare del 1924 emanata dal Partito nazionale fascista, all'epoca dalle frequenze dell'E.I.A.R. venivano trasmessi esclusivamente brani scritti e interpretati da compositori italiani che riprendevano nei loro testi temi patriottici, spronando all’eroismo, come quelli interpretati da Rodolfo De Angelis e Miscel.

Palatucci e quella radio dell’ebrea Elena Weisz

Giusti tra le NazioniPalatucci e quella radio dell’ebrea Elena Weisz

mercoledì, 10 Febbraio 2021 ore 11:12:3829128 min

Il 10 febbraio di settantasei anni fa, dopo essere stato arrestato dalla Gestapo nel suo appartamento di via Pomerio, si spegneva ad appena 35 anni nel campo di concentramento di Dachau l’ex questore reggente di Fiume Giovanni Palatucci. Il 26 febbraio 1944, un civile e un agente delle SS si erano presentati presso la sua abitazione in via Pomerio al civico 29 per chiedere informazioni alla proprietaria dell’appartamento in cui Palatucci viveva in affitto, la signora Adolfina Malner, su questa misteriosa radio Marelli che l’ebrea Rosina Elena Weisz gli aveva affidato prima della sua partenza da Fiume. In quel clima arroventato da veleni e sospetti, il giovane poliziotto irpino era osservato con sospetto sia dai nazisti che dai fascisti più ortodossi per cui non è da escludere che questa “visita” improvvisa mirava a verificare se c’era qualcosa di più compromettente per poterlo incastrare. Ecco uno stralcio di un capitolo contenuto nella Seconda Edizione di imminente pubblicazione “La rete segreta di Palatucci. Fatti, retroscena, testimonianze e documenti inediti che smentiscono l’accusa di collaborazionismo con i nazisti”.

“Chi vuole vedere la mamma faccia un passo avanti…”

Ebrei e Shoah“Chi vuole vedere la mamma faccia un passo avanti…”

mercoledì, 27 Gennaio 2021 ore 16:26:0397123 min

Il 20 aprile 1945, tra le mura della scuola amburghese di Bullenhuser Damm, 20 piccole vite di bambini ebrei – dieci maschi e dieci femmine – provenienti dalla Francia, Olanda, Jugoslavia, Italia e Polonia, venivano spezzate crudelmente. il dottor Kurt Heissmeyer "è accecato dall’ambizione, vuole emergere, vuole diventare professore, vuole passare alla storia, [...] non si fa scrupoli, tratta i bambini come fossero topi… i bambini come cavie per studiarne le difese immunitarie, per raccogliere anticorpi, per preparare un vaccino…". Una storia struggente da non dimenticare!

La storia di Gabriele Balcone, un bimbo ebreo salvato da una suora

Sr. Lina Manni, con l'aiuto di alcuni esponenti dell’organizzazione cattolica Oscar, il 21 dicembre successivo, riuscì a mettere in salvo il bambino ebreo fingendo un improvviso attacco d’appendicite trasportandolo d’urgenza in ospedale per essere sottoposto ad un finto intervento chirurgico dal dottor Ambrogio Tenconi,

La rete segreta di Pio XII

Chiesa e ShoahLa rete segreta di Pio XII

mercoledì, 13 Gennaio 2021 ore 17:35:409440 min

Nel libro dell’archivista del Vaticano Johan Ickx è rivelato il ruolo di Papa Pacelli durante la seconda guerra mondiale, che “non era all’oscuro ma al vertice di rete di aiuti” a beneficio degli ebrei, come emerge dalla testimonianza fornita qualche anno fa da don Giancarlo Centioni e nel carteggio del vescovo di Campagna mons. Giuseppe Maria Palatucci.

La rocambolesca fuga di Kappler dall’ospedale militare del Celio

Kappler era nato a Stoccarda il 23 settembre 1907 in una famiglia della classe media. Durante la sua infanzia fu testimone della prima guerra mondiale e divenne maggiorenne nella Repubblica di Weimar negli anni ’20. In seguito frequentò per quattro anni la scuola elementare e poi per altri quattro le superiori. Dopo i suoi studi ginnasiali si iscrisse alla facoltà di ingegneria che tuttavia abbandonò in seguito perché attratto dalla carriera nella Polizia scientifica. Successivamente frequentò...

Piazza Fontana, Mattarella: “L’attività depistatoria di una parte di strutture dello Stato doppiamente colpevole”.

"L’attività depistatoria di una parte di strutture dello Stato è stata, quindi, doppiamente colpevole. Un cinico disegno, nutrito di collegamenti internazionali a reti eversive, mirante a destabilizzare la giovane democrazia italiana, a vent’anni dall’entrata in vigore della sua Costituzione. Disegno che venne sconfitto".

Processo ai nazisti!

ConfrontiCriminali di guerraProcesso ai nazisti!

venerdì, 20 Novembre 2020 ore 15:42:367321 min

Il tribunale militare internazionale, composto da giudici delegati da Gran Bretagna, Francia, Stati Uniti e Urss, con la sentenza del 1° ottobre 1946 condannò a morte 12 dei 24 imputati (fra cui il contumace Martin Bormann, Goering, Jodl, Ribbentrop, Rosenberg) e al carcere a vita Hess, Funk, Raeder.

“Prima di addormentarmi mia madre mi faceva ripetere ogni sera il mio nuovo nome: Roberto Pistolesi”.

La storia della famiglia Piperno ospitata presso il Monastero delle Suore Bethlemite a Piazza Sabazio. «Mio padre – racconta il prof. Roberto Piperno –, anche per il suo lavoro di commerciante di tessuti, aveva avuto frequenti contatti con il Vaticano e inoltre l’amico che ci ospitava era un buon cattolico. Così fu possibile ottenere che una parte della famiglia – cioè le donne, mia madre, mia sorella di tre anni più grande di me, le due nonne ed io – fosse ospitata presso il Monastero delle Suore Bethlemite a Piazza Sabazio, non lontana dalla zona di Viale Regina Margherita, dove viveva la famiglia amica. Invece mio padre e mio nonno si trasferirono presso la Basilica di san Giovanni.».

Massimo Rendina: Io e il fascismo, Guerra & Guerriglia

In questa seconda video-intervista realizzata nel 2005 vengono raccontate, con dovizia di particolari, le principali vicende che videro protagonista durante la seconda guerra mondiale il comandante Max Massimo Rendina (Mestre-Venezia, 4 gennaio 1920 – Roma, 8 febbraio 2015) il quale, all’indomani della stipulazione dell’Armistizio dell’8 settembre 1943 nel capoluogo piemontese entrò a far parte della Resistenza assumendo il comando delle brigate Garibaldi con il nome di battaglia di Max il giornalista. e partecipò alla liberazione di Torino. Seconda Parte Continua…   Per iscrivervi al Canale...

Massimo Rendina: Io e il fascismo – Adolescenza e giovinezza

In questa prima video-intervista realizzata nel 2005 vengono raccontate, con dovizia di particolari, le principali vicende che videro protagonista durante la seconda guerra mondiale il comandante Max Massimo Rendina (Mestre-Venezia, 4 gennaio 1920 – Roma, 8 febbraio 2015), capo della lotta partigiana in Piemonte, Allo scoppio della Seconda guerra mondiale si arruolò divenendo sottotenente dei bersaglieri e venne inviato in Russia con lo CSIR. All’indomani della stipulazione dell’Armistizio dell’8 settembre 1943 nel capoluogo piemontese entrò a far parte della Resistenza assumendo il...

Se desideri interagire con noi puoi scriverci a questo indirizzo di posta elettronica e saremo ben lieti di risponderti.
Ti aspettiamo, a presto…

Scrivici a: postmaster@historyfilesnetwork.com

Ads

Total Visitors
377886
272
Visitors Today
38
Live visitors

Most Viewed Posts

HISTORY FILES NETWORK - Ricerche, confronti e approfondimenti © All Rights Reserved

Translate »
0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap