L’aiuto “silenzioso” di Roncalli e Marcone agli ebrei perseguitati dai nazisti in Croazia

La storia del salvataggio di un gruppo di ebrei croati braccati dai nazisti un episodio che vide protagonista l'allora delegato apostolico a Istanbul Angelo Roncalli ed il Visitatore Apostolico a Zagabria, l'abate benedettino di Montevergine Giuseppe Ramiro Marcone.

di Giovanni Preziosi - Fondatore e Direttore di "History Files Network" 504 Visualizzazioni
13 Min Letti
Getting your Trinity Audio player ready...

Alle 18,01 in punto del 28 ottobre del 1958, dopo tre giorni di conclave e undici scrutini, il Patriarca di Venezia Giuseppe Angelo Roncalli fu eletto dal collegio cardinalizio riunito in Conclave dal 25 ottobre, 261º successore di Pietro col nome di Giovanni XXIII. Si racconta che appena si aprirono i battenti della Cappella Sistina per far entrare il segretario del conclave, monsignor Alberto di Jorio, quando costui si inginocchiò in segno di omaggio, papa Roncalli si tolse lo zucchetto rosso e lo pose in testa a di Jorio preannunciando la sua nomina cardinalizia.

Giovanni XXIII

Ma Angelo Roncalli aveva fatto parlare di sé ancor prima della sua ascesa al soglio pontificio, soprattutto negli anni roventi della Seconda Guerra Mondiale quando era delegato apostolico in Turchia e amministratore apostolico “sede vacante” del Vicariato apostolico di Istanbul (27 novembre 1934), nonché Nunzio Apostolico a Parigi (20 dicembre 1944).

Qui di seguito, infatti, vi raccontiamo un episodio che lo vide protagonista, insieme al Visitatore Apostolico in Croazia, l’abate benedettino di Montevergine Giuseppe Ramiro Marcone, nel salvataggio di un gruppo di ebrei braccati dai nazisti che già avevano dato inizio in grande stile a quella che passò alla storia col termine di “soluzione finale della questione ebraica” sancita ufficialmente nel corso della conferenza di Wannsee che si era svolta il 20 gennaio 1942 in una villa sulla riva del lago Wannsee a Berlino.

Nella primavera del 1943, in gran parte dell’Europa occidentale e balcanica, riprese vigore con particolare violenza la persecuzione degli ebrei. Era il preludio di quella scellerata “soluzione finale” che anche in Croazia scattò all’indomani della visita del famigerato capo delle SS, Heinrich Himmler, giunto a Zagabria ai principi di maggio per liquidare definitivamente la questione ebraica. 

Dimorando [Himmler] qui – osservava l’inviato della S. Sede Marcone il 10 maggio 1943 in uno dei tanti rapporti inviati al cardinal Maglione – sono stati ricercati gli ultimi ebrei residenti nella Capitale e in tutta la Croazia e deportati in Germania. Si calcola che ne siano stati catturati circa 600. Ora non restano che pochi ebrei nascosti e fuggiaschi. La Gestapo dirigeva le operazioni di ricerca coadiuvata dalla polizia croata. Tanto io, quanto l’arcivescovo [Stepinac] non abbiamo trascurato di recarci presso il ministro degli interni per perorare la causa ebraica.  

Mons. Angelo Roncalli

L’eco di questa triste vicenda, poco dopo, giunse perfino all’orecchio del Delegato Apostolico in Turchia, mons. Angelo Roncalli che, il 26 maggio, ne apprese tutti i particolari dalla responsabile della sezione turca della Women International Zionist Organization Maria Bauer e dal delegato di un’agenzia di soccorso agli ebrei europei, Meir Touval-Weltmann i quali, quasi ogni settimana si recavano alla delegazione per consegnare liste di nomi di intere famiglie ebree bloccate con i loro bambini nei territori occupati dall’Asse che, puntualmente venivano recapitati alla S. Sede mediante mons. Victor Hugo Righi. 

L’11 giugno successivo, in uno di questi incontri, il dr. Weltmann consegnò al Delegato Apostolico una lettera per ringraziarlo della «benevolenza paterna di Vostra Eccellenza in favore dei nostri rifugiati ebrei», non mancando di sottolineare, in un circostanziato “promemoria” allegato alla missiva, l’opera encomiabile svolta dalla S. Sede nel salvataggio degli ebrei. 

Noi sappiamo – scriveva Weltmann – che mons. Stepinac ha fatto tutto il possibile per aiutare ed alleviare la sorte infelice degli Ebrei in Croazia, il cui numero oggi, secondo informazioni non supera i 25.000, comprese le donne e i bambini. 

Allo stesso tempo lo pregava di esortare il presule croato a continuare 

Rabbino Capo di Zagabria Miroslav Šalom Freiberger

con il suo alto prestigio e la sua attività, a salvare i loro infelici fratelli, specialmente quelli già arrestati nel mese precedente insieme con il Presidente Dott. Hugo Kon e il Rabbino Dott. Miroslav Freiberger

il 23 febbraio 1943 il visitatore apostolico a Zagabria, l’abate benedettino Giuseppe Ramiro Marcone, in una lettera inviata al cardinale Maglione comunicava che:

Il Rabbino Maggiore di Zagabria mi ha pregato di esprimere i suoi vivissimi ringraziamenti alla S. Sede per l’aiuto efficace da essa prestato nel trasferimento di un gruppo di ragazzi ebrei da Zagabria in Turchia.
Tra essi vi è pure il figlio del Rabbino Maggiore.
Egli sta organizzando un’altra spedizione in Turchia di piccoli ebrei.

Actes et documents du Saint Siège relatifs a la seconde guerre mondiale, Le Saint Siège et les victimes de la guerre janvier 1941 – decembre 1942, nota 62 Il visitatore apostolico a Zagabria Marcone al cardinal Maglione, Rap. nr. 712/43 (A.E.S. 437/43, orig.)
Zagabria, 23 febbraio 1943, Ringraziamenti del Grand rabbino di Zagabria a Pio XII per l’assistenza offerta in favore di un gruppo di bambini ebrei, pag. 139.

Nel febbraio del 1943, infatti, il Gran Rabbino di Zagabria, Miroslav Freiberger, attraverso il visitatore apostolico Marcone, aveva fatto pervenire al pontefice il suo ringraziamento per l’aiuto concesso nell’emigrazione di un gruppo di bambini ebrei in Turchia. Pio XII, attraverso il suo internunzio Angelo Roncalli, intervenne presso il governo turco per non aver paura di accettare imbarcazioni con bambini ebrei provenienti dai Balcani minacciati di deportazione ad Auschwitz.

Scriveva, mons. Angelo Roncalli nel Giornale dell’Anima riguardo questa vicenda:

Poveri figli di Israele. Io sento quotidianamente il loro gemito intorno a me. Li compiango e faccio del mio meglio per aiutarli.

Difatti, il 30 maggio 1943, il delegato apostolico a Istanbul Roncalli afferrò carta e penna e scrisse al cardinal Maglione per chiedere l’intervento a beneficio di un gruppo di ebrei, esprimendosi in questi termini:

Riferendomi suo telegramma n. 153,” Agenzia Jewish… Palestina, riconoscentissima Santa Sede suo intervento favore ( ?) ebrei slovacchi, informa che sono circa 15oo i fanciulli cui urge interessamento presso governo ungherese per assicurare loro transito ( ?) verso Palestina.
Medesima Agenzia supplica per intervento favore 400 ebrei Croazia deportati con presidente Ugo Konn et gran rabbino Freiberger. Forse
trovansi ( ?) ancora campo di concentramento Jasenovats ovvero Staragradiskas. Agenzia desidererebbe precise notizie essendo disposta
incaricarsi trasmissione immediata Palestina.

Actes et documents du Saint Siège relatifs a la seconde guerre mondiale, Le Saint Siège et les victimes de la guerre janvier 1941 – decembre 1942, nota 208 Il delegato apostolico a Istanbul Roncalli al cardinal Maglione, Tel. nr. 114 (A.E.S. 3460/43) Istanbul, 30 maggio 1943, Domanda di un intervento in favore di un gruppo di ebrei, pagg. 321-322.
Marcone, Pavelic e don Giuseppe Masucci

Naturalmente, anche mons. Roncalli, appena venne a conoscenza di queste orribili nefandezze che si stavano consumando ai danni degli ebrei croati, afferrò carta e penna e il 30 maggio inviò un telegramma alla Segreteria di Stato chiedendo l’intervento immediato per un gruppo di 400 profughi ebrei croati internati nel campo di concentramento di Jasenovac, tra i quali figuravano anche il presidente della comunità ebraica di Zagabria Ugo Konn e il Rabbino Capo Miroslav Šalom Freiberger aggiungendo, inoltre, che la Jewish Agency era «disposta (ad) incaricarsi (della) trasmissione immediata (in) Palestina»

Il cardinal Maglione appena lesse il telegramma, il 2 giugno successivo, immediatamente scrisse al Visitatore Apostolico Marcone, pregandolo di fare tutto il possibile per alleviare le sofferenze degli ebrei barbaramente rastrellati e internati nei campi di concentramento in vista della deportazione nei lager nazisti. Le direttive impartite dalla della Segreteria di Stato furono puntualmente applicate tant’é che, in più di una circostanza, il segretario del Visitatore Apostolico, don Giuseppe Masucci, si adoperò con coraggio e ingegno, per salvare gli ebrei dal loro triste destino a cui andavano incontro. 

Don Giuseppe Masucci a Zagabria

L’8 luglio 1943, infatti, appena fu informato che la famiglia del medico di origini ebraiche Rechnitzer stava per essere deportata, subito si precipitò presso la loro abitazione e li accompagnò personalmente fino alla stazione per assicurarsi che riuscissero a fuggire. Giunti sul luogo, tuttavia, l’audace monaco benedettino, tuttavia, si accorse che doveva rapidamente trovare un escamotage perché la zona era presidiata da cima a fondo dalla polizia. 

Mentre rifletteva gli sembrò di scorgere tra la folla una persona di sua conoscenza. Neanche a farlo apposta si trattava proprio di Ciro Verdiani, che dal maggio del 1941era stato inviato a Zagabria per dirigere l’Ispettorato Generale di Polizia e l’11a Zona Ovra. Naturalmente, il buon frate non si lasciò sfuggire l’occasione per interporre i suoi buoni uffici con l’alto funzionario di P.S. il quale, in un batter d’occhio, ordinò ai gendarmi di lasciar passare la famiglia Rechnitzer che, non credendo ai propri occhi, tirando un lungo sospiro di sollievo s’infilò in un vagone che li avrebbe condotti sani e salvi in Italia. Ma ecco come descrive, con dovizia di particolari, questo episodio don Giuseppe Masucci nelle pagine del suo diario: 

Nonostante la notevole difficoltà sono riuscito a portare alla stazione ferroviaria la famiglia del medico Dr. Rechnitzer e li ho aiutati a fuggire; dopo che avevano ricevuto dalla polizia l’ordine di prepararsi per la deportazione, il dr. Rechnitzer è venuto da me in compagnia della signora Primavera (nome fittizio). Li ho accompagnati con la loro auto alla stazione ferroviaria, dove ho incontrato per caso il supervisore capo della polizia italiana Verdiani, della delegazione della polizia italiana a Zagabria per l’addestramento della polizia croata. Poiché era un uomo gentile e generoso, mi ha aiutato ogni qualvolta si è presentata la necessità, a prescindere dalla posizione politica. Ha capito subito il mio desiderio, e ha ordinato alle autorità italiane che erano alla stazione per il passaggio dei treni italiani, di far imbarcare la famiglia Rechnitzer su un treno in partenza per l’Italia. 

Artukovic, l’Abate Marcone e mons. Stepinac

In realtà, il segretario dell’abate Marcone poteva avvalersi di queste amicizie influenti nelle alte sfere della gendarmeria anche grazie al fratello Alfonso che, proprio il 24 giugno 1943, aveva ricevuto dal ministero della guerra l’incarico di capitano della delegazione militare italiana a Zagabria. Fin dal suo arrivo nella capitale croata don Giuseppe Masucci aveva preso talmente a cuore la sorte degli ebrei e di tutti gli altri perseguitati, che non perdeva occasione di raccomandare alle autorità «di avere misericordia verso chi soffr[iva]», al punto che, come scrive nel suo diario, si guadagnò persino «il soprannome di Avvocato degli Ebrei» dal ministro dell’Interno Artukovic. In segno di riconoscenza per gli sforzi compiuti dalla S. Sede, il 28 febbraio 1944, il rabbino capo di Gerusalemme, Isaac Herzog, inviò due distinti telegrammi sia a mons. Roncalli e sia all’abate Marcone, in cui scriveva che 

Il Rabbino Isaac Herzog

il popolo d’Israele non dimenticherà mai i soccorsi portati ai nostri sventurati fratelli e sorelle da Sua Santità e dai suoi illustri delegati, nell’ora più triste della nostra storia.

© Giovanni Preziosi, 2024

Tutti i diritti riservati. Tutti i contenuti pubblicati in questo articolo sono protetti da copyright e non possono, né in tutto né in parte, in qualsiasi forma o tramite qualsiasi mezzo, essere utilizzati, modificati, copiati, pubblicati o riprodotti senza il consenso scritto dell’Autore e la citazione della fonte.

Share This Article
di Giovanni Preziosi Fondatore e Direttore di "History Files Network"
Follow:
Giovanni Preziosi nasce 52 anni fa a Torre del Greco, in provincia di Napoli, da genitori irpini. Trascorre la sua infanzia ad Avellino prima di intraprendere gli studi universitari presso l’Università degli Studi di Salerno dove si laurea in Scienze Politiche discutendo una tesi in Storia Contemporanea. Nel corso di questi anni ha coltivato varie passioni, tra cui quella per il giornalismo, divenendo una delle firme più apprezzate delle pagine culturali di alcune prestigiose testate quali: “L’Osservatore Romano”, “Vatican Insider-La Stampa”, “Zenit”, “Il Popolo della Campania”, “Cronache Meridionali”. Ha recensito anche alcuni volumi per “La Civiltà Cattolica”. Inoltre, dal 2013, è anche condirettore della Rivista telematica di Storia, Pensiero e Cultura del Cristianesimo “Christianitas” e responsabile della sezione relativa all’età contemporanea. Recentemente ha fondato anche il sito di analisi ed approfondimento storico "The History Files”. Ha insegnato Storia Contemporanea al Master di II° livello in “Scienze della Cultura e della Religione” organizzato dal Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi Roma Tre. Fin dalla sua laurea i suoi interessi scientifici si sono concentrati sui problemi socio-politici che hanno caratterizzato il secondo conflitto mondiale, con particolare riguardo a quel filone storiografico relativo all’opera di assistenza e ospitalità negli ambienti ecclesiastici ad opera di tanti religiosi e religiose a beneficio dei perseguitati di qualsiasi fede religiosa o colore politico. Ha compiuto, pertanto, importanti studi su tale argomento avviando una serie di ricerche i cui risultati sono confluiti nel volume “Sulle tracce dei fascisti in fuga. La vera storia degli uomini del duce durante i loro anni di clandestinità” (Walter Pellecchia Editore, 2006); “L’affaire Palatucci. “Giusto” o collaborazionista dei nazisti? Un dettagliato reportage tra storia e cronaca alla luce dei documenti e delle testimonianze dei sopravvissuti” (Edizioni Comitato Palatucci di Campagna, 2015), “Il rifugio segreto dei gerarchi: Storia e documenti delle reti per l'espatrio clandestino dei fascisti” (CreateSpace Independent Publishing Platform, 23 febbraio 2017) e “La rete segreta di Palatucci. Fatti, retroscena, testimonianze e documenti inediti che smentiscono l’accusa di collaborazionismo con i nazisti” (SECONDA EDIZIONE - Independent Publishing, maggio 2022) nonché in altri svariati articoli pubblicati su giornali di rilievo nazionale.

Solverwp- WordPress Theme and Plugin

Exit mobile version