ALLA SCOPERTA DEL MUSEO WINTERLINE DI VENAFRO: LE LINEE DI DIFESA GERMANICHE

In questa intervista con Luciano Bucci ripercorriamo la storia di questo museo sorto dalla sua vocazione e di Renato Dolcigno.

di Enzo Antonio Cicchino - Documentarista, Fondatore di "Erodoto TV" 254 Visualizzazioni
2 Min Letti
Getting your Trinity Audio player ready...

Da bambino ricordo quante volte passando da Isernia per San Pietro Infine andando in treno a Roma o a Napoli ho incontrato Venafro guardavo la strada le montagne scavate dalla pioggia e dalla neve ridotte quasi in ossa e mi chiedevo perché mi attraevano così tanto, che storia avessero.

Mio padre mi parlava della guerra passata di lì come in un sogno astratto, mitologico e irreale. Le calanche di Venafro come rasoi di pietra si ergevano alte innanzi a me sopra il Castello Pandone. Eppure oggi, dopo una vita passata viaggiando per la stessa terra, mai avrei pensato che di quella stessa guerra fosse nato un grande museo, lo ignoravo del tutto.

Me ne hanno parlato, invece, per primi Ciro, Carmine e Francesco in occasione dell’evento “Erodoto incontri” che si è svolto il 9 settembre dello scorso anno all’idroscalo di Ostia. Il museo Winterline di Venafro è a poche decine di metri dal castello Pandone ed è sorto dalla Vocazione di due amici Renato Dolcigno e Luciano Bucci che hanno dedicato l’anima alle tracce delle battaglie che hanno visto uomini morire e uccidere mani; abbandonarsi alla terra e al sangue.

Dinanzi a noi c’è il creatore di questo museo Luciano Bucci al quale abbiamo rivolto alcune domande per conoscere meglio cosa contiene questo museo.

Per iscrivervi al Canale di ERODOTO TV cliccate qui sotto

© Enzo Antonio Cicchino, 2024

Tutti i diritti riservati. Tutti i contenuti pubblicati in questo articolo sono protetti da copyright e non possono, né in tutto né in parte, in qualsiasi forma o tramite qualsiasi mezzo, essere utilizzati, modificati, copiati, pubblicati o riprodotti senza il consenso scritto dell’Autore e la citazione della fonte.

Share This Article
di Enzo Antonio Cicchino Documentarista, Fondatore di "Erodoto TV"
Follow:
Enzo Antonio Cicchino è nato a Isernia nel 1956. Allievo di Mario Benvenuti a Pisa. Assistente alla regia di Paolo e Vittorio Taviani e di Valentino Orsini. Documentarista, autore e conduttore televisivo di numerosi programmi di Storia. Fondatore ed Editor di "Erodoto TV". Ha lavorato otto anni a “Mixer” e venti a “La Grande Storia” di Rai3. Ha raccontato in video numerosi episodi inerenti il fascismo, la Creazione dell'Impero, Tracce dell'Architettura del Ventennio, Città Nuove sulle città di fondazione. Propaganda e Giovinezza sull'educazione e la cultura del Ventennio. Ed ancora ha narrato i molti segreti di Mussolini, tra cui quelli di la Marcia su Roma, Attentati, Misteri della morte, Trafugamento della salma. Nel 1995 ha creato il sito www.larchivio.com. Ha pubblicato un romanzo La Fonte di Mazzacane, un libro di racconti Centocelle di Nani; una trilogia per il teatro Prima dello specchio, editore La Rondine. Con Mursia ha pubblicato Il Duce attraverso il Luce (2010), Caccia all'oro nazista (2011), Correva l'anno della vendetta (2013), Il Carteggio (2016). Gerarchi (2019) più altri volumi di Storia con altri editori, tra questi Invasioni - MnM (2017).

Solverwp- WordPress Theme and Plugin

Exit mobile version