IL NAZISTA CHE SALVO’ GLI EBREI

Presentazione del libro
IL NAZISTA CHE SALVO’ GLI EBREI Storie di coraggio e solidarietà in Danimarca, di Andrea Vitello (ed. Le Lettere, 2022)
Con prefazione di Moni Ovadia e postfazione di Gabriele Nissim
DOMENICA 6 NOVEMBRE alle ore 17,00
BLUE ROOM libreria & caffè letterario
Via Paolo Albera 55-57
tel 324 7879332
info@blueroomcafe.it
Quando il 28 settembre 1943, il nazista tedesco Georg Ferdinand Duckwitz, membro dell’ambasciata tedesca a Copenaghen, venne informato dell’imminente deportazione, nei campi di concentramento, dei circa 7.000 ebrei danesi, questi avvertì subito i suoi amici del partito socialdemocratico che dettero l’allarme dell’incombente pericolo alla comunità ebraica. Così gli ebrei aiutati dalla popolazione danese, riuscirono prima a nascondersi dal raid nazista avvenuto la notte tra il 1° e il 2 ottobre, e poi a scappare in Svezia, paese rimasto neutrale. In questo modo il popolo danese riuscì a salvare quasi tutti gli ebrei presenti in Danimarca. Il caso danese è unico, perché rispetto ad altri salvataggi avvenuti nel corso della seconda guerra mondiale in altri paesi, in Danimarca l’intera popolazione, dal re fino alle persone appartenenti alle classi sociali più umili, contribuì al salvataggio degli ebrei. La figura del nazista tedesco Duckwitz fu importantissima, perché fu l’unico politico nazista ad opporsi alla deportazione degli ebrei. Anni dopo la fine della guerra Duckwitz e molti danesi verranno riconosciuti come “Giusti tra le Nazioni” dallo Yad Vashem. Nel libro l’autore racconta questa storia grazie all’analisi scientifica di fonti, documenti e testimonianze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adbanner