Ebrei e Shoah16 ottobre 1943: il sabato nero del ghetto di Roma

Il 16 ottobre del 1943, il "sabato nero" del ghetto di Roma. Alle 5.15 del mattino le SS invadono le strade del Portico d'Ottavia e rastrellano 1024 persone, tra cui oltre 200 bambini. Il ricordo di Laura e Silvia Supino.
Giovanni Preziosi Giovanni Preziosivenerdì, 15 Ottobre 2021 ore 11:32:3311124 min

In occasione del 78° anniversario della triste ricorrenza del rastrellamento degli ebrei romani, ripropongo un articolo che scrissi nel 2013 per L’Osservatore Romano. Un modo, questo, per non dimenticare mai un evento che costò la vita a numerose persone innocenti e onorare la memoria di chi, tanti anni fa, ha subito l’oltraggio di essere strappato dai suoi affetti più cari e deportato negli orribili campi di sterminio nazisti dai quali, purtroppo, non ha fatto più ritorno.

Un grazie di vero cuore alle sorelle Laura e Silvia Supino che, attraverso i loro suggestivi e struggenti ricordi, hanno reso possibile la realizzazione di questo articolo.


Sono trascorsi ormai settantotto anni da quel triste sabato del 16 ottobre 1943, ma ogniqualvolta ci si ritrova a passeggiare nel cuore dell’antico ghetto, tra i resti del Portico d’Ottavia e del Teatro di Marcello, improvvisamente, si avverte un senso di smarrimento e incominciano a riaffiorare alla mente le scene raccapriccianti di quel dramma che si consumò, per le strade di Roma, sotto lo sguardo imperturbabile dei militari tedeschi agli ordini del capitano delle SS Theodor Dannecker. È come se, tutto ad un tratto, sembra di percepire l’incedere impetuoso dei cingolati tedeschi e le grida di terrore di quei 1.024 ebrei romani sorpresi nel sonno, mentre si accingevano a celebrare il terzo giorno della festa di Sukkot.

Please accept YouTube cookies to play this video. By accepting you will be accessing content from YouTube, a service provided by an external third party.

YouTube privacy policy

If you accept this notice, your choice will be saved and the page will refresh.

Laura Supino

Alle prime luci dell’alba, infatti, nonostante le rassicurazioni fornite da Kappler il 26 settembre ai responsabili della comunità ebraica dopo la consegna dei 50 chilogrammi d’oro richiesti, scattò quella scellerata operazione che non risparmiò nessun quartiere della capitale, passata tristemente alla storia col nome in codice Judenaktion, meticolosamente pianificata fin dal 24 settembre nel quartier generale della Gestapo di Berlino dal capo delle SS Heinrich Himmler su espressa richiesta di Eichmann. L’ordine fu puntualmente eseguito pochi giorni dopo dal comandante della SIPO-SD di Roma Herbert Kappler. Questa operazione, in realtà, fu agevolata grazie alla consegna ai tedeschi dei registri, accuratamente predisposti e aggiornati dall’amministrazione italiana dopo l’introduzione delle leggi razziali e dai ruoli fiscali dei membri della comunità ebraica che le SS avevano sequestrato il 28 settembre nel corso di una perquisizione nei locali del Tempio Maggiore, da cui si poteva facilmente risalire agli indirizzi. Per fortuna non tutti finirono nelle grinfie dei tedeschi, perché  qualcuno, rocambolescamente, riuscì a salvarsi trovando rifugio nei vari istituti religiosi disseminati nell’Urbe, come le sorelle Laura Silvia Supino, all’epoca due bambine di tredici e otto anni che, grazie alla generosità dei loro vicini di casa, Serafino e Amalia Trella– per questo motivo riconosciuti da Yad Vashem nel 2011 “Giusti tra le Nazioni” – restarono nascoste nella loro abitazione in via Po, prima di trasferirsi nel collegio “S. Elisabetta” gestito dalle suoreFrancescane Missionarie del S. Cuore perché, ormai, quel luogo non garantiva più un’adeguata sicurezza.

«Quando siamo fuggiti da casa – dichiara, sul filo della memoria, Laura Supino – ci siamo recati in un edificio dove abitava un’amica di mia nonna, una socialista, perché eravamo sicure che riusciva a trovarci un nascondiglio. E difatti ci fece nascondere nei cassoni dell’acqua del suo palazzo. Poi, dopo qualche giorno, il nostro portiere, che era una persona di provata fiducia, a cui mio padre aveva detto dove avrebbe potuto trovarci per qualsiasi cosa, è venuto a cercarci per riferirci che la famiglia Trella gli aveva assicurato che avrebbe ospitato noi tre ragazzi».

Poi, ai principi di dicembre, grazie ai buoni uffici di un alto prelato del Vaticano, amico di vecchia data della nonna, riuscirono ad essere ospitate,sotto mentite spoglie, all’interno del Collegio “S. Elisabetta” dove furono presentate dalla della Superiora generale Madre Cecilia Lazzericome delle profughe provenienti da Napoli. Il fratellino Giulio, invece, fu affidato alle amorevoli cure dei Fratelli del S. Cuore, che lo tennero nascosto nel loro istituto di “Cristo Re”. Appena Laura e Silvia Supino giunsero in collegio, Sr. Agostina e sr. Anastasia subito si preoccuparono di insegnare loro le principali preghiere, in modo tale che potessero partecipare alle funzioni religiose senza destare alcun sospetto ed essere esposte al pericolo di qualche delazione, considerato che tra le allieve di questo istituto c’erano anche le figlie di alcuni gerarchi fascisti e persino la nipote del duce, Raimonda Ciano detta Dindina, secondogenita di Edda e Galeazzo.

Madre Cecilia Lazzeri con “Dindina” Ciano

Nell’Istituto dove eravamo state accolte – sottolinea Laura Supino –, le Suore, giovani e anziane, erano state subito affettuose nei nostri confronti […]. Credo che solo la Madre Superiora sapesse chi eravamo veramente […] anche i nostri genitori più tardi avevano trovato rifugio in un Monastero dall’altra parte della città, […] ogni tanto ci venivano a trovare, ma senza nessun appuntamento sicuro né ad intervalli precisi, sempre per motivi di sicurezza e per evitare di trovarsi in situazioni di pericolo. Dopo la prima retata, i tedeschi continuavano ad arrestare – e deportare – gli ebrei che trovavano per strada o se qualche informatore faceva sapere dove gli ebrei erano nascosti: c’era un “premio” pagato dai tedeschi alla consegna di ogni ebreo.

Il collegio Santa Elisabetta delle suore francescane missionarie del Sacro Cuore

Seguendo l’esempio di tanti altri enti ecclesiastici, anche queste religiose, infatti, non restarono indifferenti alle precise istruzioni impartite dalla S. Sede che, sebbene pubblicamente impose una rigorosa consegna del silenzio, in realtà invitò a spalancare generosamente le porte dei conventi a chiunque fosse braccato dai nazi-fascisti. Le notizie rinvenute nelle cronache del collegio “S. Elisabetta”, pertanto, rappresentano un altro interessante tassello che si aggiunge a quel mosaico della carità testimoniando, se ancora ce ne fosse bisogno, il ruolo di primo piano svolto in quegli anni convulsi dalla Chiesa cattolica attraverso l’opera encomiabile di tanti uomini e donne, laici e religiosi, promossa e sostenuta da Pio XII che, non esitò a mettere a disposizione di coloro che erano perseguitati finanche la residenza pontificia di Castel Gandolfo.

Razzia degli ebrei. Giorni di terrore – scriveva, il 20 ottobre 1943, con un velo di mestizia la cronista del collegio “S. Elisabetta” –. Abbiamo 15 persone rifugiate e nascoste, giorni di grande ansia, di timori, di preoccupazioni. Si parla di saccheggi, di incendi, di guerra civile.

L’avviso firmato dal governatore Stahel

Proprio per questo motivo, fin dal mese di ottobre del 1943, per scongiurare il pericolo delle improvvise perquisizioni nazifasciste all’interno degli ambienti ecclesiastici, la S. Sede fece pervenire a tutti i superiori, un avviso firmato del governatore militare della capitale Rainer Stahel, da affiggere sulle porte d’ingresso di tutti gli istituti religiosi, in cui si dichiarava esplicitamente che l’edificio era sotto le dirette dipendenze della Città del Vaticano e, pertanto, venivano interdette perquisizioni o requisizioni d’ogni genere. Dal racconto, davvero struggente, di Laura e Silvia Supino si evince chiaramente l’ammirazione per il rispetto che le religiose mostravano nei loro confronti, cercando in qualsiasi momento di venire incontro alle esigenze di tutti i loro ospiti. Difatti, oltre alle sorelle Supino, le suore accolsero tra le proprie mura anche altre persone che erano in pericolo di vita, come la signora Musatto di origini ebraiche, il maggiore Petruzzelli e i baroni Rodi di Pantelleria. Il 15 dicembre 1943 leggiamo, infatti, nelle cronache:

In questo mese ricoveriamo il maggiore Petruzzelli, ricercato dai tedeschi, che si traveste da giardiniere col falso nome di Bernardino Massaro. Con lui ricoveriamo altri due carabinieri, che si fecero dei nascondigli nella nostra legnaia per sfuggire alla deportazione.

Il pericolo era sempre in agguato, tant’è che in un paio di circostanze le piccole sorelle Supino se la videro davvero brutta.

Il giorno in cui una delle mie compagne di camera […] ha avuto la febbre – ricorda ancora con emozione Laura Supino – ero con lei, forse per farle compagnia, quando è entrato un soldato tedesco, un SS: uno spavento terribile per me, fin che non ho capito che era uno dei suoi fratelli, un ragazzo più grande di lei, poteva avere 18 anni, ed era in divisa delle SS […] era uno di quegli italiani arruolati dai tedeschi e che collaboravano con gli occupanti nella ricerca di antifascisti, di ebrei o in ogni caso di quegli italiani che si opponevano all’occupazione nazista. […] Vederlo nella nostra camera, prima di sapere chi fosse, pensare che avessero scoperto chi eravamo, […] mi ha fatto stare male […] anche dopo aver capito chi era. Grazie al Cielo era solo venuto a trovare la sorella.

La gravità della situazione generava in ognuno un profondo senso d’inquietudine perché bisognava sempre prestare la massima attenzione a non lasciarsi sfuggire qualche particolare per non farsi riconoscere e venire acciuffati dai tedeschi. Difatti un bel giorno di primavera avvenne che una loro compagna di classe

mentre nell’intervallo delle lezioni si stava in giardino, […fu] chiamata al cancello con grandi segni da un ragazzo arrivato in bicicletta […]. Il ragazzo ha parlato con lei brevemente e le ha dato un biglietto, poi è andato via in fretta. Da ragazze stupide, abbiamo pensato che fosse un suo innamorato […] Dopo la liberazione abbiamo saputo che in quel biglietto qualcuno le aveva comunicato che il padre, un ufficiale dell’Esercito Italiano, era stato arrestato dai tedeschi e […] dopo è risultato che era stato ucciso.

Molto si è dibattuto – e si continua a discutere, soprattutto dopo l’apertura. da parte della S. Sede, dell’archivio sul pontificato di Pio XII – sull’atteggiamento assunto in questa circostanza da Papa Pacelli che, probabilmente, considerando ciò che era accaduto appena un anno prima in seguito alla vigorosa denuncia dell’episcopato olandese, per non compromettere ulteriormente la situazione ed esasperare gli animi già fin troppo esacerbati dei nazisti, pensò che occorreva lasciarsi guidare dalla prudenza, ritenendo più opportuno attivare una fitta rete di canali diplomatici per cercare di porre fine a quello scempio che si stava consumando proprio sotto le sue finestre. Una presa di posizione ufficiale del pontefice, probabilmente, gli sarebbe valso un encomio solenne sul piano storico, ma ciò avrebbe certamente compromesso ineluttabilmente l’opera svolta in sordina da tanti laici e religiosi per occultare molte famiglie ebree nelle loro case e nei vari istituti religiosi disseminati nell’Urbe. Senza contare, poi, la prevedibile violenta ritorsione di Hitler ai danni di tante persone innocenti che avevano avuto la sventura di cadere nelle mani dei tedeschi, pregiudicando anche il lavoro svolto nel più stretto riserbo dalle varie organizzazioni religiose, come l’Opera San Raffaele diretta dal pallottino p. Anton Weber, che si stava adoperando proprio per agevolare l’espatrio clandestino degli ebrei.

Please accept YouTube cookies to play this video. By accepting you will be accessing content from YouTube, a service provided by an external third party.

YouTube privacy policy

If you accept this notice, your choice will be saved and the page will refresh.

© Giovanni Preziosi, 2021
Tutti i diritti riservati. Tutti i contenuti pubblicati in questo articolo sono protetti da copyright e non possono, né in tutto né in parte, in qualsiasi forma o tramite qualsiasi mezzo, essere utilizzati, modificati, copiati, pubblicati o riprodotti senza il consenso scritto dell’Autore e la citazione della fonte.

Social Share
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Giovanni Preziosi

Giovanni Preziosi

Giovanni Preziosi nasce 51 anni fa a Torre del Greco, in provincia di Napoli, da genitori irpini. Trascorre la sua infanzia ad Avellino prima di intraprendere gli studi universitari presso l’Università degli Studi di Salerno dove si laurea in Scienze Politiche discutendo una tesi in Storia Contemporanea. Nel corso di questi anni ha coltivato varie passioni, tra cui quella per il giornalismo, divenendo una delle firme più apprezzate delle pagine culturali di alcune prestigiose testate quali: “L’Osservatore Romano”, “Vatican Insider-La Stampa”, “Zenit”, “Il Popolo della Campania”, “Cronache Meridionali”. Ha recensito anche alcuni volumi per “La Civiltà Cattolica”. Inoltre, dal 2013, è anche condirettore della Rivista telematica di Storia, Pensiero e Cultura del Cristianesimo “Christianitas” e responsabile della sezione relativa all’età contemporanea. Recentemente ha fondato anche il sito di analisi ed approfondimento storico "The History Files”. Ha insegnato Storia Contemporanea al Master di II° livello in “Scienze della Cultura e della Religione” organizzato dal Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi Roma Tre. Fin dalla sua laurea i suoi interessi scientifici si sono concentrati sui problemi socio-politici che hanno caratterizzato il secondo conflitto mondiale, con particolare riguardo a quel filone storiografico relativo all’opera di assistenza e ospitalità negli ambienti ecclesiastici ad opera di tanti religiosi e religiose a beneficio dei perseguitati di qualsiasi fede religiosa o colore politico. Ha compiuto, pertanto, importanti studi su tale argomento avviando una serie di ricerche i cui risultati sono confluiti nel volume “Sulle tracce dei fascisti in fuga. La vera storia degli uomini del duce durante i loro anni di clandestinità” (Walter Pellecchia Editore, 2006); “L’affaire Palatucci. “Giusto” o collaborazionista dei nazisti? Un dettagliato reportage tra storia e cronaca alla luce dei documenti e delle testimonianze dei sopravvissuti” (Edizioni Comitato Palatucci di Campagna, 2015), “La rete segreta di Palatucci. I fatti, i retroscena, le testimonianze e i documenti inediti che smentiscono l’accusa di collaborazionismo con i nazisti” (CreateSpace Independent Publishing Platform, 2015) e “Il rifugio segreto dei gerarchi: Storia e documenti delle reti per l'espatrio clandestino dei fascisti” (CreateSpace Independent Publishing Platform, 23 febbraio 2017) nonché in altri svariati articoli pubblicati su giornali di rilievo nazionale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Se desideri interagire con noi puoi scriverci a questo indirizzo di posta elettronica e saremo ben lieti di risponderti.
Ti aspettiamo, a presto…

Scrivici a: postmaster@historyfilesnetwork.com

Ads

Total Visitors
391322
411
Visitors Today
44
Live visitors

Most Viewed Posts

HISTORY FILES NETWORK - Ricerche, confronti e approfondimenti © All Rights Reserved

Translate »
0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap